massa-marittima-8

La Maestà di Ambrogio Lorenzetti

Sapevi che a Massa Marittima, in Maremma, il museo di Arte Sacra di questo bellissimo paese conserva uno dei dipinti più famosi dell’arte medioevale? A volte anche i grandi gioielli dell’arte si trovano in piccoli paesi italiani.

La “Maestà” di Ambrogio Lorenzetti10 Ambrogio Lorenzetti - Maestà di Massa MarittimaLa “Maestà” di Massa Marittima è un dipinto autografo di Ambrogio Lorenzetti, realizzato con tecnica a tempera su tavola nel 1335, misura 150 x 205 cm. ed è custodito nel Museo di arte sacra a Massa Marittima.
La presente composizione, una delle tre grandi Maestà di Ambrogio, è considerata dagli studiosi fra le prime grandi opere allegoriche della sua attività artistica. Le altre due Maestà sono dipinte a fresco: una nella chiesa di Sant’Agostino di Siena e l’altra nella cappella di San Galgano a Montesiepi (Siena).

Al centro del dipinto domina la figura della Madonna in trono che tiene in braccio il Bambino. In basso, ai lati dei tre alti gradini del trono, stanno sei angeli (tre a sinistra e tre a destra) recanti incensieri e strumenti musicali. Ai lati dello stesso trono – due per parte ed in perfetta simmetria –  stanno altri quattro angeli: quelli in basso recano i cuscini del trono e gli altri due hanno il compito di lanciare fiori. Qui, come in altre composizioni di Ambrogio sullo stesso tema, nella relazione tra la Madonna ed il figlioletto viene enfatizzato il rapporto umano tra i due (con la tipica vigorosa presa del Bambino da parte della Vergine), rafforzato dal diretto contatto dei volti e da un dialogo fatto di sguardi ravvicinati. Del trono, pressoché nascosto  dalle sei figure già descritte, si vedono soltanto gradini, ma  è tuttavia doveroso pensare che schienale e seggio non siano assenti: esso appare quindi costituito soltanto dai soli cuscini (o un unico lungo cuscino) sorretti (o sorretto) dai due angeli.

Infine, in primo piano sui gradini del trono, sono ubicate le Virtù teologali personificate. Il resto dei personaggi – tutti in piedi – rappresentano santi, profeti e patriarchi. Nella prima fila a sinistra, sopra i tre angeli, si possono identificare S. Basilio, S. Nicola, S. Francesco e S. Caterina. Sopra di essi stanno S. Giovanni evangelista, san Pietro, san Paolo e due sante. Sulla destra del trono – in piedi, sopra gli angeli musicisti – vengono riconosciuti S. Benedetto, S. Antonio abate, S. Agostino e S. Cerbone (figura alla estrema destra), patrono di Massa Marittima a cui è intitolato il Duomo, identificabile per le oche che gli girano attorno. Dietro di essi ci sono gli evangelisti Matteo, Marco e Luca, con due sante. Più in alto si intravedono altri volti ed aureole di altre figure, ed ancora –  sotto gli archi a sesto acuto – altri volti, che certamente rappresentano profeti, apostoli e patriarchi.

EVENTO
Fino a Sabato 30 Maggio 2015  puoi partecipare a un viaggio inedito nella Maestà
di Ambrogio Lorenzetti direttamente a Massa Marittima, una mostra che approfondisce un
aspetto di questo famoso dipinto, un evento davvero straordinario.

colombaLa colomba ritrovata è un “viaggio” nella Maestà di Ambrogio Lorenzetti, un’esposizione che analizza nel dettaglio il capolavoro del maestro senese mettendone in luce l’innovatività della rappresentazione, la complessa simbologia, la grande sensibilità religiosa e umana dell’autore.
La mostra pone una particolare attenzione ad uno degli elementi più discussi dell’opera, lo Specchio della Fede, oggetto di un’attenta analisi fotografica che ha permesso di ritrovare i segni della presenza della raffigurazione di una colomba, simbolo dello Spirito Santo. L’attributo della colomba era stato fino ad ora solo descritto dagli storici dell’arte, nazionali ed internazionali; la campagna fotografica presente in mostra permetterà a tutti di vedere con particolare evidenza i segni originari.
L’esposizione propone un inedito percorso visivo che permette di approfondire la conoscenza della Massa Marittima medioevale, il clima politico e artistico, la complessa simbologia del dipinto, la vita di Ambrogio Lorenzetti, le tecniche artistiche del periodo, e “svela” finalmente la colomba, sia con la documentazione fotografica che grazie ad un’ipotesi di ricostruzione pittorica.

La mostra  intende mettere in luce la simbologia dell’opera ponendo attenzione allo Specchio della Fede. Con l’ausilio di esperti, storici, teologi, appassionati e artisti che hanno collaborato a questo difficile progetto, a breve potremo ammirare questa mostra presso il complesso museale di San Pietro all’Orto, che proporrà un percorso tra la storia di Massa Marittima, il clima politico ed artistico, la complessa simbologia del dipinto, la vita di Ambrogio Lorenzetti, la tecnica artistica del periodo ed anche una possibile ricostruzione pittorica che svelerà “la colomba celata”.

Non perdere questo appuntamento ricco di cultura e curiosità ancora fino al 30 Maggio 2015.

Prenota la tua camera alla Fattoria Maremmana e parti per un viaggio in Maremma che arricchisce i sensi, l’animo, la testa e il cuore.

Telefona al 338.3990737