Olive tree pruning_cut back

Tempo di potatura degli ulivi in Maremma

L’ulivo è un albero sempreverde che può raggiungere grandi dimensioni: questo è uno dei motivi principali per cui è importante intervenire con una buona potatura. Quest’operazione non è obbligatoria come in altri casi (come, ad esempio, quello della vite o quello delle rose), ma fa sì che la pianta si sviluppi nei modi e nelle forme più adatte. Si tratta di un lavoro che può richiedere anche parecchio tempo, a seconda delle dimensioni della pianta.

branchette_fruttifere_1Nella potatura degli olivi ci sono due obiettivi fondamentali:

  • mantenere la forma
  • 1236175_622982647810351_2806050424531354418_navere prodotto

L’albero d’ulivo è uno degli alberi più antichi esistenti, esso comparve nel 12.000 a. C. circa, probabilmente nell’Asia occidentale; oltre ad essere utile, è usato anche come pianta ornamentale, essendo un sempreverde. Molti casolari ne avevano qualcuno in giardino per portare pace all’abitazione, fertilità e rinascita.
Potare un albero d’ulivo è estremamente importante, infatti ha numerose finalità: favorisce il rinnovamento dei rami produttivi, migliora la penetrazione dell’aria e della luce all’interno della chioma, diminuisce la suscettibilità agli attacchi dei parassiti e previene l’invecchiamento della pianta.

L’olivo è presente in quasi tutto il territorio della Maremma e la sua coltura sembra valorizzare al meglio le zone collinari e la morfologia del paesaggio agrario; nello specifico è contraddistinto dalla presenza di un patrimonio genetico che riunisce varietà di olivo dalle molteplici caratteristiche e piante secolari o addirittura millenarie che sono  significative di una evoluzione biologica e  di una riserva, per non parlare di  biodiversità  autoctone, radicata nel  territorio.

10245374_630408873734395_3432494718505854382_n

Vieni in Maremma per assistere alla potatura degli ulivi in uno dei numerosi poderi sparsi tra la pianura e la collina

Presso il nostro AGRITURISMO Fattoria Maremmana vi indicheremo i luoghi dove poter partecipare o solo osservare questo momento all’aria aperta di aggregazione. 

10672326_630408923734390_3779641439513887525_n

Desideriamo salutare il nostro articolo di oggi regalandovi una piccola curiosità maremmana:

Sai cosa è l’Ulivo della strega?
Un antichissimo ulivo tra i più vecchi d’Europa, un ulivo monumentale situato a Magliano in Toscana. Uscendo da Magliano attraverso la porta San Giovanni, subito fuori dalla cinta muraria, nell’uliveto posto dietro la piccola chiesa della Santissima Annunziata, si trova l’Ulivo della Strega. Non avrete difficoltà nel riconoscerlo anche se non fosse segnalato. È un ulivo monumentale che si distingue nettamente da tutti gli altri, sembra risalire a 3500 anni fa, il che lo rende uno degli ulivi più vecchi d’Europa. La vecchia ceppaia, con il passare dei secoli, ha assunto una forma così particolare che basta uno sguardo, anche inesperto, per capire immediatamente l’entità della sua veneranda età.

La leggenda più diffusa narra di una strega che ogni venerdì, durante i suoi riti sabbatici, danzava intorno all’albero, costringendo così la pianta a contorcersi fino ad assumere le forme attuali. Al termine del rito la strega si trasformava in un enorme gatto dagli occhi infuocati e rimaneva a vegliare l’albero tutta la notte. Altre versioni della storia narrano dell’albero che raddoppiava le dimensioni e via fantasticando. Addirittura altri racconti popolari riportano che nello stesso uliveto esisteva un’altra pianta che, grazie ad un miracolo, produceva fagioli, o fave, invece delle olive.
Al di là delle storie di streghe, è emozionante trovarsi al cospetto di questo albero millenario circondato da altri vecchi ulivi, tra i quali è riconoscibile, oltre che per le dimensioni, anche per una recinzione che lo protegge dai numerosi visitatori, alcuni dei quali avevano il vandalico vizio di asportarne qualche rametto come ricordo della vista.

c029 (1)

Contattaci al 338.3990737